Meno Brokers di criptovalute in ​​Giappone Post-COVID

Informazioni su Bitcoin, Mining e Trading di Criptovalute

Meno Brokers di criptovalute in ​​Giappone Post-COVID

04/08/2020 Criptovalute 0

Un rapporto aggiornato dall’ente di autoregolamentazione giapponese JVCEA mostra che il numero di commercianti di criptovalute attivi nel paese è diminuito a marzo.

Prima che fosse dichiarato ufficialmente uno stato di emergenza per rallentare la diffusione della pandemia in Giappone, l’attività complessiva sugli scambi di criptovalute diminuiva a causa di un picco nei depositi di fiat.

Secondo i dati pubblicati nel marzo 2020 dalla Japan Virtual and Crypto assets Exchange Association (JVCEA), il numero di conti cripto attivi registrati nel paese è diminuito da 2.048.501 di febbraio a 2.044.806 di marzo. Ciò significa che 3.695 account in meno potrebbero non aver scambiato attività digitali.

I depositi aumentano, l’attività diminuisce

Yuya Hasegawa, analista di mercato di bitbank, ha riferito che sebbene l’attività tra i cripto-operatori sia diminuita a marzo, il numero di depositi fiat sugli scambi è aumentato in Giappone. 

Parte di ciò potrebbe essere dovuta alle famiglie che si aspettavano di ricevere un pagamento di stimolo di 100.000 yen – circa $ 940 – che era stato proposto dal governo giapponese. Secondo l’analista, molti di questi depositi non sono rimasti a lungo sugli scambi. Il primo ministro Shinzo Abe ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale in Giappone a partire dall’8 aprile.

“Quando lo Shock Corona ha colpito il più ampio mercato finanziario e generato la domanda di richieste di margine, un buon gruppo di investitori potrebbe aver ritirato tutti i loro fondi dagli scambi di criptovalute per raccogliere un po ‘di denaro”, ha detto Hasegawa in un rapporto del 3 agosto. “Alcuni investitori potrebbero averlo fatto per prepararsi a potenziali rischi, come una riduzione del reddito e della disoccupazione, che potrebbero essere causati da uno stato di emergenza”.

Ancora commerciando in Giappone

Tuttavia, Hasegawa afferma che una leggera diminuzione del numero di account attivi “non significa necessariamente che gli utenti giapponesi stiano perdendo interesse per le criptovalute”.

Semmai, l’attività potrebbe essere aumentata poiché Bitcoin ( BTC ) sembrava particolarmente rialzista nella sua ascesa a $ 12.000. 

Lascia un commento

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com